Ma Zaccheo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà dei miei beni ai poveri; e se ho frodato qualcuno, restituisco quattro volte tanto». Gesù gli rispose: «Oggi la salvezza è entrata in questa casa, perché anch'egli è figlio di Abramo;”

(Vangelo di Luca 19, 8-9)

Zaccheo è un piccolo uomo, interessato unicamente alla ricchezza e al proprio tornaconto personale. Fino all’incontro con Gesù! Dopo uno scambio di sguardi, Zaccheo diventa un uomo diverso: decide di cambiare, per vivere in modo nuovo il tempo che gli viene donato.

Spesso si riesce a comprendere l’importanza del fluire del tempo quando, incontrando una persona che ci colpisce, il tempo sembra fermarsi e si ricorda il giorno, il luogo e l’ora precisa in cui avviene l’incontro significativo.

Zaccheo è un piccolo uomo, che nella sua imperfezione, sa cogliere lo sguardo misericordioso di Gesù e decide di cambiare in nome di questo incontro.

Da pubblicano che dà valore allo sfruttamento del tempo per produrre denaro, per l’utilità personale, usando semplicemente il tempo degli altri, diventa Uomo di Kairos, uno che sa vivere il suo tempo come un di tempo di Grazia, capace di gustare ogni istante nella condivisione con gli altri, spezzando il pane con chi ha derubato.

L'icona di Zacchero ci guida all'interno del tema del sussidio 2020, nella scoperta dell'incontro con Cristo, attraverso i momenti di preghiera, affinché l'estate possa essere un tempo di grazia in cui riscoprirsi diversi, attraverso la condivisione sincera e la creazione di nuovi legami di amicizia con chi ci sta accanto.